Gastroenterologia, Endoscopia digestiva, respiratoria, genitale - MEDICO VETERINARIO  MsGedaa
RSS

Articoli recenti

I CORPI ESTRANEI GASTRICI POSSONO ESSERE RIMOSSI PER VIA ENDOSCOPICA SENZA INTERVENIRE CHIRURGICAMENTE?
russamento del bulldog inglese
endoscopia respiratoria
endoscopia digestiva veterinaria
la gastroenterologia veterinaria

Categorie

endoscopia digestiva
endoscopia respiratoria
powered by

Il mio blog

endoscopia respiratoria

sono disponibile a rispondere ai vostri questi sull'endoscopia respiratoria
L'esplorazione delle vie respiratorie nel cane e gatto consiste in diverse procedure:
RINOFARINGOSCOPIA FLESSIBILE per esplorare anteriormente le narici e posteriorimente il rinofaringe.
L'esplorazione delle narici senza valutazione del rinofaringe non potrà mai permettere una corretta valutazione ed esclusione di corpi estranei, masse o processi infettivi, micotici od infiammatori.
L'esecuzione delle biopsie endoscopiche rappresenta la corretta conclusione della procedura per la diagnosi di certezza in assenza di corpi estranei, ma richiede un tempo di osservazione di 24 ore da parte del medico veterinario in quanto il sanguinamento conseguente alle biopsie potrebbe provocare emorragie, il cui controllo deve essere effettuato solo da personale sanitario.
La presenza di sintomatologia quale STERTORE, SCOLO NASALE CRONICO, sanguinamento dalle narici, scolo nasale purulento o biancoverdastro, STERNUTO INVERSO, deformazione del profilo del naso rappresentano una FORTE INDICAZIONE PER LA RINOFARINGOSCOPIA FLESSIBILE.
LARINGOSCOPIA: consente la valutazione dinamica della struttura e della funzionalità del LARINGE. L'esame è necessario in presenza di STRIDORE respiratorio e rumore di "russamento" soprattutto nelle razze brachicefale e sempre indispensabile per valutare la gravità della SINDROME BRACHICEFALICA in cani di razze brachicefale (boxer, bulldog, carlino, pechinese, ecc.) e per la diagnosi della PARALISI LARINGEA.
TRACHEOBRONCOSCOPIA: consente la valutazione della trachea e dei bronchi e può essere associato all'esecuzione del LAVAGGIO BRONCO ALVEOLARE per esecuzione di esami citologici e microbiologici.
La Tosse cronica non responsiva a terapia rappresenta l'indicazione per questo esame dopo aver escluso patologie cardiache e del parechima polmonare mediante esame clinico, radiografico ed ecocardiografico.
Il continuo tentaivo di vari classi di antibiotici nella tosse cronica senza una diagnosi microbiologica con il lavaggio broncoalveolare ha il rischio di sviluppare resistenze verso gli stessi antibiotici senza portare a guarigione.
Il lavaggio broncoalveolare deve essere eseguito da un medico veterinario esperto sotto il vigile controllo di un anestesista esperto nella metodica.