Gastroenterologia, Endoscopia digestiva, respiratoria, genitale - MEDICO VETERINARIO  MsGedaa


L'Ecoendoscopia digestiva  (ULTRASONOGRAFIA PERENDESCOPICA)


L'endoscopia convenzionale è in grado di valutare esclusivamente la superficie interna dell'intestino
testa dell'EUS in cui si vede la sonda ecografica e la telecamera dell'endoscopio. Attorno alla sonda ecografica viene messo un palloncino di lattice riempito di acqua per consentire la trasmissione degli ultrasuoni la cui trasmissione è impedita dell'aria presente nel tratto digestivoL'ECOENDOSCOPIA O ULTRASONOGRAFIA PERENDOSCOPICA, ovvero la fusione dell'endoscopia e dell'ecografia, consente di studiare in dettaglio sia i singoli strati della parete intestinale, sia le strutture anatomiche poste in vicinanza: cuore e organi della cavità toracica dall'esofago, milza e pancreas dallo stomaco e dall'intestino. Questo è possibile presso la Minerva Animal Center di Pomezia,  grazie alla sonda ecografica radiale (7,5-12 Mhz) posta sulla punta dell'ecoendoscopio e valuta la profondità della lesione 
Tale informazione è fondamentale per decidere se un tumore può essere asportato endoscopicamente oppure si deve ricorrere alla chirurgia tradizionale.


Per maggiori delucidazioni si rinvia il lettore al filmato,    al filmato dimostrativo sulla tecnica, ed alla HOME PAGE UFFICIALE DEL CLUB EUS    

La metodica è ancora sperimentale in medicina veterinaria in quanto non esiste bibliografia adeguata nè corsi specifici, pertanto le nostre fonti di studio sono legate alla bibliografia di medicina dell'uomo.


APPROFONDIMENTO SPECIALISTICO PER MEDICI E VETERINARI

ESISTE UNA CORRELAZIONE TRA FLOGOSI CRONICA GASTRICA E CANCRO?

fonti bibliografiche:
Renato De Magistris, "Il ruolo Centrale dello Stomaco per il Mantenimento del nostro stato di salute", Omeopatia Oggi, N°35, 3/2006, pg.20-22 
Vet Immunol Immunopathol. 2011 Aug 19

Olivero D (Laboratory of Veterinary Analysis BiEsseA srl), Turba ME, Gentilini F, "Reduced diversity of immunoglobulin and T-cell receptor gene rearrangements in chronic inflammatory gastrointestinal diseases in dogs."


Spesso chi si occupa di gastroenterologia ed endoscopia digestiva in modo specialistico in medicina veterinaria si pone di fronte ad un delicato interrogativo: esiste una barriera tra IBD E CANCRO oppure la flogosi severa linfoplasmocellulare rappresenta un border line verso il LINFOMA.
Stò cercando di rispondere a questo delicato quesito effettuando sulle biopsie endoscopiche, il test della PCR per riarrangiamenti della clonalità linfoide, ogni volta che l'esame istologico  riveli una severa flogosi linfoplasmocellulare con atipie linfocitarie.
Lo scopo è quello di capire se, dall'osservazione delle popolazioni linfocitarie presenti nell'infiltrato linfocitico della lamina propria emergono pattern policlonali, oligoclonali o monoclonali.
DIversamente da quanto avviene nell'uomo dove il morbo di Crohn mostra un pattern policlonale puro, nel IBD del cane si evidenziano pattern veriabili monoclonali, oligoclonali e policlonali.

Mi sono posto lo stesso interrogativo di fronte alla severa flogosi gastrica complicata da metaplasia intestinale per capire il limite che esiste con il carcinoma gastrico, prendendo per esempio quanto avviene a livello esofageo nell'ESOFAGO DI BARRETT!
Sono necessari ulteriori studi per meglio comprendere queste delicate correlazioni in medicina veterinaria.

Avrei piacere della COLLABORAZIONE DI TUTTI I COLLEGHI  che si occupano DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA con lo scopo di effettuare sempre in modo seriale la PCR dei riarrangiamenti clonali sulle biopsie endoscopiche in caso di severa IBD linfoplasmocellulare ed effettuare sempre un follow up endoscopico con esame istologico a 6-12 mesi  comunicare i dati ed il referto a drmarcochierichetti@libero.it

Leggendo l'interessante articolo sopramenzionato del Prof.Renato De Magistris  docente di Chirurgia Generale presso 1° Clinica Chirurgica Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Napoli, responsabile dell'unità  operativa per la prevenzione e per il trattamento delle malattie croniche degenerative, ho avuto delle conferme parziali ai miei interrogativi.
Riporto fedelmente quanto affermato dal professore:<< L'infiammazione o flogosi deve essere ritenuta la prima lesione preneoplastica. Essa è la spia clinica che delinea la sofferenza dei meccanismi preposti al ciclo cellulare, per l'influenza che essa esercita sull'espressione dei geni. Esiste infatti una relazione tra infiammazione cronica e cancro: la sensibilità al cancro aumenta se i tessuti sono cronicamente sede d'infiammazione. Il meccanismo è legato alla liberazione dal focolaio infiammatorio di TNFalfa che, stimolando il fattore di transcrizione genica NFKB, aumenta l'espressione dei geni antiapoptotici IKKbeta, GADD45beta, CJUN. Pertanto la flogosi deve essere ritenuta la madre di tutte le lesioni perchè, generando il blocco della morte per apoptosi, si avrà una spinta proliferativa non più fisiologica e controllata e ciò rappresenta il primo momento dell'iter che comporterà il viraggio della cellula verso lo stato neoplastico>>.

Rammentando gli insegnamenti di anatomia patologica, queste considerazioni trovano profondo fondamento in questo semplice concetto:
QUALSIASI NOXA PATOGENA (ambientale,fisico,chimica, biologica) inducendo una lesione iniziale scatena una cascata di eventi insiti nella FLOGOSI ACUTA (rubor, calor, tumor); persistendo la noxa il processo evolve in FLOGOSI CRONICA (iperplasia, ipoplasia, ipertrofia, ipotrofia, sclerosi, fibrosi, necrosi essudativa); il processo può a questo punto evolvere in DEGENERAZIONE (atrofia, displasia, metaplasia, leucoplachia).
La FLOGOSI CRONICA DEGENERATIVA può TRASFORMARSI IN:
  • carcinoma in situ
  • adenocarcinomi epidermoidali differenziati
  • adenocarcinomi epidermoidali indifferenziati 

Pertanto i miei interrogativi si fondano su valide basi ed attendono risposte da parte dei ricercatori universitari, che si occupano di anatomia patologica veterinaria e fisiopatologia, a cui propongo una collaborazione d'interscambio con i gastroenterologi endoscopisti.

attendo da parte di tutti i colleghi osservazioni in merito
dott Marco Chierichetti dmvMsGedaa
 drmarcochierichetti@libero.it


pagina destinata solo ai medici veterinari

Valutazione endoscopica delle lesioni neoplastiche del piccolo intestino 

Ohimiya-Yano-Yamamoto, Gastrointestinal.Endosc, 2007; 66:72-7


La diagnosi endoscopica delle lesioni del piccolo intestino è di estrema difficoltà. 
La tecnica DBE consente una più accurata osservazione dell'estensione delle lesioni, anche attraverso la moderna CROMOENDOSCOPIA, attraverso l'esecuzione multipla di biopsie per esame istologico, marcatura del tumore per la successiva escissione chirurgica, la MUCOSECTOMIA per le neoplasie superficiali della mucosa non infiltranti, il posizionamento di STENT PALLIATIVI in caso di neoplasie stenosanti maligne.

Il futuro dell'enteroscopia in medicina veterinaria potrà progressivamente, con le opportune differenze tecniche-etiche-operative-economiche dalla medicina, tentare di sviluppare, laddove possibile la CROMOENDOSCOPIA, la MUCOSECTOMIA, la DIAGNOSI PRECOCE DI NEOPLASIE ancora prima di qualsiasi indagine di IMAGING altamente tecnologico come la TC spirale. 


pagina destinata solo ai medici veterinari

Valutazione endoscopica delle lesioni neoplastiche del piccolo intestino 

Ohimiya-Yano-Yamamoto, Gastrointestinal.Endosc, 2007; 66:72-7


La diagnosi endoscopica delle lesioni del piccolo intestino è di estrema difficoltà. 
La tecnica DBE consente una più accurata osservazione dell'estensione delle lesioni, anche attraverso la moderna CROMOENDOSCOPIA, attraverso l'esecuzione multipla di biopsie per esame istologico, marcatura del tumore per la successiva escissione chirurgica, la MUCOSECTOMIA per le neoplasie superficiali della mucosa non infiltranti, il posizionamento di STENT PALLIATIVI in caso di neoplasie stenosanti maligne.

Il futuro dell'enteroscopia in medicina veterinaria potrà progressivamente, con le opportune differenze tecniche-etiche-operative-economiche dalla medicina, tentare di sviluppare, laddove possibile la CROMOENDOSCOPIA, la MUCOSECTOMIA, la DIAGNOSI PRECOCE DI NEOPLASIE ancora prima di qualsiasi indagine di IMAGING altamente tecnologico come la TC spirale.


approfondimento destinato a medici e veterinari
CLASSIFICAZIONE ENDOSCOPICA LESIONI EMORRAGICHE VASCOLARI DEL PICCOLO INTESTINO  SECONDO YANO-YAMAMOTO
Dipartimento Medicina interna, Divisione Gastroenterologia, Jichi Medical University, Giappone

Attraverso la tecnica DBE Videoenteroscopia a doppio pallone, si è potuta ottimizzare in Gastroenterologia la classificazione delle lesioni emorragiche secondo YANO-YAMOTO:

  • lesioni emorragiche puntiformi con o senza stillicidio (type 1a) 
  • lesioni eritematose a chiazze con o senza stillicidio (type 1b)
  • lesioni puntiformi con sanguinamento pulsatile LESIONE DI DIEULAFOY (type 2a) 
  • protrusioni emorragiche pulsatili senza angelectasia LESIONE DI DIEULAFOY (type 2b)
  • protrusioni emorragiche pulsatili con angelectasia sottostante senza o con anastomosi tra le arteriole e le vene, o con malformazioni arteriovenose (Type 3)
  • altre lesioni non classificabili nelle suddette categorie (type4)

In medicina sono a disposizione tecniche di ARGON PLASMA COAGULAZIONE AD ALTA FREQUENZA PER L'EMOSTASI DELLE LESIONI TYPE 1A ED 1B ED EMOSTASI DELLE LESIONI TYPE 2A E 2B.Per le lesioni TYPE 3 è PREVISTO IL POSIZIONAMENTO DI CLIP ENDOSCOPICHE al fine di bloccare il vaso oppure la tecnica chirurgica tradizionale.

DEFINIZIONE CROMOENDOSCOPIA A LUCE BIANCA E CON AUSILIO tecnologia digitale FICE (fuji Intelligent color enhancement)

SEZIONE PER LA CONSULTAZIONE DESTINATA SOLO AI MEDICI VETERINARI


la mia ricerca di migliorare la capacità diagnostica e la significatività delle biopsie endoscopiche mi ha portato IN ANALOGIA A QUANTO AVVIENE IN MEDICINA ad introdurre durante le endoscopie la tecnica della CROMOENDOSCOPIA A LUCE BIANCA con colorante di contrasto INDACO DI CARMINIO ed altri coloranti vitali e di contrasto rossi e blu 

Allego razionale scientifico con linee guida per la CROMOENDOSCOPIA WL

allego poi alcune foto e filmati dell'interessante tecnica diagnostica

filmato DIMOSTRATIVO CROMOENDOSCOPIA A LUCE BIANCA (WL) 


foto 1          villi intestinali gatto con moderata IBD LPC con atrofia villi
foto 2          sbocco fovee gastriche regione antrale stomaco di cane senza cromoendoscopia
foto 3   (in fase caricamento)       sbocco fovee gastriche regione antrale stomaco cane con cromoendoscopia 
foto 4         metaplasia intestinale incompleta benigna stomaco cane 
foto 5   (in fase caricamento)      protrusioni nodulari Placche del Peyer duodeno gatto 


PROGETTO CROMOENDOSCOPIA VIRTUALE FUJINON CON F.I.C.E. 

dal mese giugno 2015 è disponibile solo per referenza presso la MINERVA ANIMAL CENTER la tecnologia FICE (fuji intelligent color enhancement) tecnologia elettronica HD di prosecuzione endoscopica spettrale dell'immagine per potenziarne il contrasto e la definizione e per la diagnosi precoce di lesioni tumorali della mucosa
In presenza di forti anomalie sospette di forme tumorali, valutate con questa tecnologia, nella stessa seduta, l'analisi viene completata in cani di almeno 15 kg dalla valutazione ECOENDOSCOPICA EUS EU-M30 volta a valutare la profondità e l'estensione della lesione nello spessore della parete gastrica o intestinale.

L'ESAME VIENE COMUNQUE SEMPRE COMPLETATO DALL'ESECUZIONE DI BIOPSIE ENDOSCOPICHE O POSSIBILITA' DI ASPORTAZIONE DI PICCOLI POLIPI NON INFILTRANTI GLI STATI PROFONDI DELLA PARETE (SOTTOMUCOSA E LAMINA BASALE) PER L'ESECUZIONE DI ESAME ISTOLOGICO A CUI SPETTA LA DIAGNOSI DEFINITIVA DEL TIPO DI PATOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DELLA PROGNOSI E DECIDERE IL TIPO DI TERAPIA.


razionale scientifico screening oncologico

possibilità approfondimento diagnosi IBD

immagine endoscopica dell'intestino DIGIUNO di un cane con l'utilizzo della tecnologia elettronica  FICE che evidenza diffuse erosioni per perdita focale dei villi digiunali.
immagine FICE DUODENO CANE,
al lavoro durante una endoscopia per asportare un amo da pesca incastrato nell'esofago di un cane
















Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint